È ora di unire Castello e Città

Recentemente ho avuto il piacere di incontrare il Direttore del Castello di Rivoli Museo d'Arte Contemporanea Francesco Manacorda. Un incontro ricco di spunti e riflessioni su come rendere Rivoli una destinazione turistica di eccellenza che sia centro nevralgico dell'arte, della cultura e del turismo.

Autore: Alessandro Errigo

Aggiornato il 7 Giugno 2024

È ora di unire Castello e Città
Francesco Manacorda Direttore del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea e Alessandro Errigo candidato Sindaco di Rivoli

Recentemente ho avuto il piacere di incontrare il Direttore del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea. Un incontro ricco di spunti e riflessioni sul futuro di Rivoli come centro nevralgico dell’arte, della cultura e del turismo.

Al centro del nostro confronto, l’idea di una forte sinergia tra le diverse realtà artistiche e culturali presenti sul territorio e di di rafforzare il legame tra il Castello e la città stessa. Un approccio collaborativo che punta a valorizzare il patrimonio artistico di Rivoli in un’ottica di sviluppo complessivo della città.

Il Quadrilatero delle Arti e il cuore pulsante del centro storico

Tra le proposte esposte, l’istituzione di un vero e proprio “Quadrilatero delle Arti”, un percorso che colleghi il Castello Museo d’Arte Contemporanea, passando per Casa del Conte Verde, Palazzo Piozzo, vecchio Municipio e vecchio Ospedale creando un polo attrattivo unico per cittadini e turisti.

Non solo. L’obiettivo è quello di riqualificare il centro storico di Rivoli, restituendogli il suo antico splendore e trasformandolo in un luogo vibrante e ricco di iniziative culturali.

Un sogno da realizzare insieme: Rivoli Capitale Italiana dell’Arte Contemporanea

L’idea è quella di realizzare percorsi tematici che attraversino la città, alla scoperta delle sue bellezze artistiche e architettoniche. Un modo per valorizzare ogni angolo di Rivoli e per invitare cittadini e turisti a vivere un’esperienza coinvolgente.

L’ambizione è di elevare Rivoli a Capitale Italiana dell’Arte Contemporanea. Un traguardo ambizioso, ma raggiungibile attraverso un lavoro sinergico.

Questo progetto di Rivoli Capitale Italiana dell’Arte Contemporanea non si rivolge solo agli appassionati d’arte. L’intento è quello di creare un’offerta culturale inclusiva e accessibile a tutti, coinvolgendo attivamente i cittadini e i quartieri della città.

Fare di Rivoli la Capitale Italiana dell’Arte Contemporanea è un sogno ambizioso, ma realizzabile con il coinvolgimento di tutti: cittadini, istituzioni, enti culturali e privati. Un sogno che ha l’obiettivo di trasformare Rivoli in un centro di eccellenza culturale, attrattore di turismo e motore di sviluppo economico.

Il bar del Castello e un Festival per Rivoli

In quest’ottica, la riapertura del bar del Castello, per volontà ed iniziativa del Direttore del Castello Francesco Manacorda, rappresenta un passo fondamentale. Un punto di ristoro non solo per i visitatori del museo, ma anche per i cittadini, che potranno vivere il Castello come un luogo di incontro e di socializzazione.

Per attrarre turisti a Rivoli, è inoltre necessario creare un’offerta culturale di ampio respiro. In questa direzione, lavoreremo all’organizzazione di un grande Festival che coinvolga tutto il territorio cittadino. Un evento che animi la città con musica, arte, teatro e gastronomia, attirando visitatori da tutto il Piemonte e oltre.

Il Dipartimento Educazione: una risorsa preziosa

Da non dimenticare il Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli che svolge un ruolo fondamentale nella promozione dell’arte e della cultura tra le nuove generazioni. Ogni anno, ospita oltre 50.000 bambini e ragazzi delle scuole, oltre alle famiglie rivolesi, offrendo loro laboratori, attività didattiche e percorsi di visita.

L’impegno del Dipartimento Educazione proseguirà anche nei prossimi anni, con l’obiettivo di rafforzare la sua presenza sul territorio e di consolidare il legame con la città di Rivoli.

Rinnovare la convenzione con la città: insieme per il futuro di Rivoli

In vista di questi ambiziosi progetti, sarà necessario rinnovare la convenzione tra il Castello di Rivoli e la città. Una convenzione che definisca i reciproci impegni e che consenta di collaborare in modo ancora più sinergico per il raggiungimento di obiettivi comuni.

Sono convinto che, attraverso la collaborazione tra il Castello, l’Amministrazione comunale e tutti gli attori del territorio, Rivoli possa affermarsi come una destinazione turistica di eccellenza. Un luogo dove arte, cultura e bellezza si incontrano per offrire ai visitatori un’esperienza indimenticabile.